• Home
  • Articoli
  • Emozioni, benessere e psicologia
  • Depressione Roma
Emozioni, benessere e psicologia

8 suggerimenti per affrontare la depressione!

Arrivano sempre tante vostre email chiedendomi come affrontare quel disagio, quella sofferenza che sempre più spesso definiamo depressione! E’ come se oggi siamo tutti depressi! Mai avviliti o accorati, mai afflitti o rammaricati, mai abbattuti o angustiati. Mai infelici. Solo depressi!

Depressione Roma

Un tempo si chiamava tristezza, malinconia, nostalgia. Si chiamava anche inquietudine o avvilimento o sconforto o struggimento. Un tempo c’era un nome per ogni sfumatura, per ogni piccolo e grande abisso del normale “mestiere di vivere”. Non è la prima volta che un termine passe-partout si impone su tutti gli altri e appiattisce su di sé la complessità delle emozioni umane. Tristezza o downswings di umore sono normali reazioni alle difficoltà della vita, alle sconfitte e alle delusioni.

Molte persone usano la parola "depressione" per spiegare questo tipo di sentimento, ma la depressione è molto più della tristezza.

E’ depressione quel dolore che paralizza e annienta, che toglie il sonno e l’appetito o, al contrario fa dormire e mangiare di continuo.

E’ quella sofferenza che consuma la voglia di vivere. La depressione è causata da una combinazione di fattori genetici, biologici, ambientali e psicologici. Concordando con il Prof. Cancrini (“Date parole al dolore”, L. Cancrini) la depressione è un sintomo e in quanto tale bisogna rintracciare i motivi che l’hanno scatenata.

Un trauma, la perdita di una persona cara, un rapporto difficile, o qualsiasi situazione stressante può innescare un episodio depressivo. Ma episodi depressivi si possono verificare anche senza un trigger evidente. Comunque sono sempre collegati ad un avvenimento traumatico a volte negato o non ricordato. Allora la domanda è: siamo tutti destinati alla depressione?

La risposta è:” No!”.

La nostra capacità di rimanere nell’ambito di una fase depressiva” normalmente reattiva” o di cadere in una seria depressione, dipende da altro.  Dipende, oltre che dal contesto, dalle vicende della primissima infanzia, da come abbiamo imparato ad affrontare le emozioni e anche dalla nostra personalità.

Quali sono le 8 cose da fare per affrontare una depressione?

  1. Non aspettare troppo tempo prima di chiedere un intervento per essere valutati o iniziare un trattamento specialistico. Varie ricerche mostrano che più una persona aspetta, maggiore è il tempo necessario per la guarigione. Provate a vedere un professionista il più presto possibile. Un trattamento psicoterapeutico integrato, eventualmente, con un supporto farmacologico è il percorso d’eccellenza per superare la depressione.
  2. Cercate di essere attivi e di fare esercizio. Andare al cinema, teatro o altro evento o attività che vi divertono.
  3. Fissare obiettivi realistici per se stessi.
  4. Suddividere le grandi attività in alcune più piccole. Datevi delle priorità e fate quello che si può, come si può.
  5. Provate a trascorrere del tempo con altre persone e confidarvi con un amico fidato o un parente. Cercate di non isolarvi, e lasciate che gli altri vi aiutano.
  6. Accettate il vostro stato d'animo e non aspettatevi magicamente di "uscirne fuori". Often during treatment for depression, sleep and appetite will begin to improve before your depressed mood lifts. Spesso durante il trattamento per la depressione, il sonno e l'appetito inizieranno a migliorare e così anche il vostro stato d'animo.
  7. Rimandate le decisioni importanti, come sposarsi o divorziare o cambiare lavoro, fino a quando non vi sentite meglio.
  8. Ricordate che il pensiero positivo aiuta a sostituire quei pensieri negativi tipici della depressione e aiuta a rispondere meglio al trattamento terapeutico.

Tuttavia, alcune persone depresse non si sentono affatto triste, ma possono sentirsi senza vita, come vuoti, e con una certa apatia. Qualunque siano i sintomi, la depressione è diversa dalla normale tristezza in quanto avvolge la nostra vita giorno per giorno, interferendo con la capacità di lavorare, studiare, mangiare, dormire, e divertirsi. I sentimenti di impotenza, disperazione, e inutilità sono intensi e implacabile.

Sintomi della depressione:

  • Sentimenti di impotenza e di disperazione.
  • Perdita di interesse nelle attività quotidiane.
  • Appetito o cambiamenti di peso.
  • Alterazioni del sonno.
  • Rabbia o irritabilità.
  • Perdita di energia.
  • Disgusto di sé.
  • Comportamento imprudente.
  • Problemi di concentrazione.
  • Dolori somatici e dolori inspiegabili.

I diversi volti della depressione

La depressione si presenta in modo diverso in uomini e donne, nei giovani e negli anziani. Vediamo da vicino cosa li differenzia:

  • La depressione nelle donne
    La depressione è più comune tra le donne che tra gli uomini. Probabilmente è legata ad aspetti   biologici, al ciclo di vita ormonale, e a fattori psicosociali. I ricercatori hanno dimostrato che gli ormoni influenzano direttamente la chimica del cervello che controlla le emozioni e l'umore. Ad esempio, le donne sono particolarmente vulnerabili a sviluppare depressione post-partum dopo il parto, quando cambiamenti ormonali e fisici e/o la nuova responsabilità di prendersi cura di un neonato, può essere schiacciante. Alcune donne possono anche avere una grave forma di sindrome premestruale (PMS) chiamato disturbo disforico premestruale (PMDD) associato ai cambiamenti ormonali che si verificano in genere intorno all'ovulazione e prima che inizi la mestruazione. Durante la transizione in menopausa, alcune donne sperimentano un aumento del rischio per la depressione.
  • La depressione negli uomini
    Uomini depressi hanno meno probabilità rispetto alle donne di riconoscere i sentimenti di disgusto di sé e di disperazione. Tendono a lamentarsi di stanchezza, irritabilità, disturbi del sonno, e la perdita di interesse nel lavoro e degli hobby. Altri segni e sintomi della depressione negli uomini comprendono la rabbia, l'aggressività, la violenza, il comportamento disfunzionale, e a volte, abuso di sostanze. Anche se i tassi di depressione per le donne sono due volte superiore a quelli degli uomini, gli uomini sono un rischio di suicidio più alto.
  • La depressione negli adolescenti
    Mentre alcuni ragazzi depressi sembrano tristi, altri non lo sono. In realtà, l'irritabilità, piuttosto che la depressione, è spesso il sintomo predominante negli adolescenti depressi. Un adolescente depresso può essere ostile, scontroso, o facilmente perdere il suo temperamento. Dolori inspiegabili sono anche comuni sintomi di depressione nei giovani. Se non curata, la depressione nell’ adolescente può portare a problemi a casa e a scuola, abuso di droghe, disgusto di sé, violenza omicida o suicidio.
  • La depressione negli anziani
    I difficili cambiamenti che molti anziani devono affrontare, ad esempio un lutto, la perdita di indipendenza, e problemi di salute possono portare alla depressione, soprattutto in quelli senza un forte sistema di supporto familiare. Tuttavia, la depressione non è una parte normale dell’invecchiamento. Gli anziani tendono a lamentarsi di più sui sintomi di natura fisica, piuttosto che emotivi e di sentimenti di depressione, per cui il problema è spesso non riconosciuto e sottovalutato.

Vi saluto con una frase di Paulo Coelho che racchiude in se il senso di questo articolo: “Mai nessuna notte è tanto lungo da non permettere al sole di sorgere “

 

Dott.ssa Antonella D'Andrea
Psicologa Psicoterapeuta - Roma


Ambiti d'intervento

  • Dipendenze da sostanze
  • Psicooncologia
  • Gruppi stress reduction basati sulla Mindfulness
  • Disturbi sessuali
  • Trattamento del Gambling (gioco d'azzardo patologico)
  • Psicoterapia Sistemico-Relazionale individuale, della coppia e della famiglia

Dott.ssa Antonella D'Andrea Psicologa Psicoterapeuta
Roma

declino responsabilità | privacy e cookies

Iscritta all’Albo degli Psicologi della Regione Lazio col n.6943 dal 1997
Laurea in Psicologia Clinica e di Comunità e Specializzazione in Psicoterapia Familiare e Relazionale
P.I. 06860061008



AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

"Si ringrazia Sonia Macale per aver realizzato alcune foto contenute nel sito"

©2017 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dott.ssa Antonella D'Andrea
© 2017. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.

www.psicologi-italia.it